Ecco cosa l'aspettava: una volta cresciuta, l'avrebbero sfruttata in classe, così come ora la sfruttavano in mille incombenze domestiche. Certo, sarebbero stati costretti a darle vestiti un po' più dignitosi, ma abbastanza dimessi perché continuasse a sembrare una serva. Quello era il futuro che l'attendeva, e Sara rimase immobile per un po' immersa in queste riflessioni. Poi le balenò un pensiero che le accese le guance e le fece brillare gli occhi. «Qualsiasi cosa succeda, c'è una cosa che non cambierà mai» si disse. «Anche vestita di stracci, resterò sempre una principessa in fondo al cuore.»


I classici più amati della letteratura per ragazzi in edizione integrale e, per la prima volta, a leggibilità facilitata. Perché le grandi storie sono di tutti i lettori.