Tutto cominciò quando partii per Parma, per assistere a una rappresentazione del Nabucco di Giuseppe Verdi al Teatro Regio, in occasione della Settimana della Lirica. Durante le prove generali dell'opera, inciampai e finii steso a terra con un gran bernoccolo sulla zucca... Ah, che figuraccia felina! Quando riaprii gli occhi, mi ritrovai sì sul palcoscenico, ma il teatro non era più il Regio di Parma, bensì La Scala di Milano... E il roditore burbero che mi stava venendo incontro era proprio lui, il grande Giuseppe Verdi in pelliccia e baffi! Per mille mozzarelle, che cosa stava succedendo?

Quando accesi la radio, quella mattina, venni avvolto dalle note del Va' pensiero. Non potevo sapere che avrei incontrato il grande Giuseppe Verdi, diventando... il suo assistente! Ho scoperto che era un tipo, anzi un topo, con un bel caratterino, ma la sua musica... mi ha fatto sciogliere il cuore come uno stracchino!

Un personaggio top della musica e della storia italiana, in un'avventura da far frullare i baffi!