Dopo un po' avvertii che qualcosa
di vivo si muoveva sulla mia gamba sinistra, per poi avanzare delicatamente sul mio petto fino ad arrivarmi quasi sotto il mento. Abbassando lo sguardo più che potevo, mi accorsi che si trattava di un essere umano non più alto di sei pollici, che reggeva in mano un arco
e una freccia, e sulla schiena aveva
una faretra. Nel frattempo sentii che almeno quaranta o più esseri dello stesso tipo (per quanto potevo immaginare) lo seguivano.

I classici più amati della letteratura per ragazzi in edizione integrale e, per la prima volta,
a leggibilità facilitata. Perché le grandi storie sono di tutti i lettori.