Sarà inaugurata oggi alle 11 la targa commemorativa in via Tommei a Milano, nella casa popolare dove Carla Fracci ha vissuto dal dal 1945 al 1959: un riconoscimento che si aggiunge alla lunga lista di celebrazioni della grande ballerina scomparsa il 27 maggio scorso.

Figlia di un tranviere e un'operaia, Carla Fracci fa il suo ingresso alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e, da lì la sua carriera procede portandola sui palcoscenici più importanti del mondo. Acclamata dai più autorevoli critici di balletto e applaudita da pubblici di ogni levatura, è stata partner artistica dei più gloriosi danzatori di sempre. La sua recente scomparsa ha commosso l'intero mondo della danza e non solo. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l'ha ricordata come "un prezioso e indimenticabile riferimento" che "ha onorato, con la sua eleganza e il suo impegno artistico, frutto di intenso lavoro, il nostro Paese".

Carla Fracci ha sempre avuto a cuore le giovani generazioni, e negli ultimi mesi della sua vita ha scritto con Aurora Marsotto, autrice e giornalista specializzata in danza, un romanzo con cui passa idealmente il testimone ai ragazzi.
Nella prefazione, Aurora Marsotto racconta così come sia nata l'idea del libro: "Insieme trovammo il luogo adatto a raccontarsi, forse inusuale, ma amatissimo, uno spazio temporale caro a tutti i danzatori: quei pochi giorni di riposo estivo durante i quali poteva godersi i suoi affetti. Ecco allora prendere forma la cornice di questo volume, che racchiude i suoi ricordi d'infanzia e di giovinezza, le prime gioie narrate a un gruppo di ragazzi, metafora del pubblico giovane, allievo, professionista o semplice pubblico amante della danza e delle sue interpretazioni".
E così, attraverso le pagine di "Più luminosa di una stella", incontriamo Giulia, una ragazzina appassionata di danza che inaspettatamente durante le vacanze estive al mare si ritrova come vicina di casa Carla Fracci. Come fare a conoscerla senza essere troppo invadente? La soggezione è tanta, ma la curiosità lo è di più: quali sono i segreti per diventare come lei? Lei che ha interpretato più di duecento personaggi, ha calcato i palcoscenici più importanti del mondo, è amata dalla critica e dal pubblico di ogni dove, è stata partner dei più grandi danzatori di sempre e musa dei coreografi.

Tra le pagine ritroviamo le immagini di Carla Fracci sul palcoscenico mentre interpreta i ruoli che l'hanno resa leggendaria, concesse dall'archivio del Teatro alla Scala, e quelle private concesse dall'archivio della Famiglia Fracci, che raccontano la sua vita e la sua quotidianità. Ma soprattutto ritroviamo la sua voce, e le parole di incoraggiamento e ispirazione per i ragazzi e le ragazze che si stanno impegnando in un percorso lungo di studio e sacrificio, ma anche di bellezza e arte. Insomma, ritroviamo lei che, prima di tutto, era una ragazzina che ha creduto in un sogno: la danza.