Icaro ha nove anni e preferisce farsi chiamare Zucchina perché così lo chiamava la mamma . All’orfanotrofio  incontra preziosi amici , tutti nati dalla parte sbagliata della vita, ma che sanno guardare le cose con occhi meravigliati e affascinati. Lì, l'infanzia sboccia come il fiore sulla pietra, quella di Camille, di Alice, di Jujube, dei fratelli Chafouin. E di Zucchina, che per la prima volta ha una famiglia, dei compagni di gioco, delle vere feste di compleanno, un'amica speciale che gli fa battere il cuore, e giornate serene piene di giochi spensierati.

La mia vita da zucchina sarà nelle librerie dal 22 novembre 2016. E’ una storia che conquista con facilità il cuore dei lettori perché è  romanzo di formazione duro e dolcissimo con un lieto fine che riempie di speranza.  Narrato in prima persona coinvolge maggiormente il giovane lettore che si immedesima, trova il linguaggio accessibile, famigliare e si sente partecipe.

Il libro è diventato anche un film d’animazione che verrà proiettato nelle sale italiane dal 2 dicembre: è stato premiato ad Annecy come Miglior lungometraggio d’animazione dell’anno ed è candidato come Miglior Film d'Animazione agli Oscar 2017.