Il 31 ottobre si celebra Halloween… e la paura diventa il tema principale di racconti, travestimenti, film e ovviamente, libri.

In una giornata buia, di pioggia, cosa c’è di meglio che assecondare tradizione e mistero, e immergersi in letture che fanno della paura, dell’horror e del thriller il loro centro?

Per questo per Halloween vi consigliamo due letture da divorare da sole, o una dietro l’altra, due storie dalla nostra maestra del Thriller, Paola Barbato, che costruiscono lo stesso terrificante mondo narrativo, ma che si possono godere anche in maniera indipendente. Due letture perfette per scivolare in un mondo di terrore unico e magistralmente costruito.

Io so chi sei di Paola Barbato

Dopo due anni l’uomo che ha sconvolto la vita di Lena, e che credeva morto, è tornato, e le parla solo attraverso un cellulare. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace… fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele…

Zoo di Paola Barbato

Immagina di risvegliarti da una notte senza sogni e di ritrovarti sdraiata su una superficie fredda e dura, i vestiti del giorno prima ancora indosso e nessun ricordo delle tue ultime ore. Intorno a te solo un buio spesso a cui lentamente lo sguardo si abitua. Cominci a intravedere delle sbarre alla tua sinistra. Non può che essere un incubo, tra poco sarai nella tua stanza, avvolta nelle soffici lenzuola di casa e la vita riprenderà come prima. E invece…

 

E per i piccoli lettori? Sempre dalla penna di Paola Barbato, proprio pochi giorni prima di Halloween arriva un'avventura all'insegna della paura da leggere sotto le coperte nella notte più spaventosa di tutte!

Il Ritornante

Nel mondo esistono alcuni luoghi che portano all'inferno. Le Grotte di Arlind sono uno di questi, ed è lì che devono entrare Janice, Ian, Michael e Bo, le quattro nullità della scuola. Hanno avuto paura tutta la vita. Ma ora le cose devono cambiare...