Attivista per i diritti delle persone LGBT+ e delle persone autistiche, dopo alcune esperienze di vita e lavoro all'estero è tornato in Italia per completare gli studi in Arts and Culture Management, non rassegnandosi al panorama politico del nostro Paese. Dal 2019 è uno dei tre portavoce nazionali delle 6000 Sardine, il movimento popolare spontaneo, antifascista, progressista, ambientalista ed europeista nato in Emilia-Romagna, sua terra d'origine.