Ha cominciato come fotografo nel 1985 e ha lavorato nel mondo della pubblicità e della moda. Appassionato animalista, nel 2009 si è trasferito in Ucraina, patria della moglie, dove si è dedicato alla cura e al recupero dei cani randagi. Nel marzo 2013 per la sua coraggiosa attività contro il racket dei dog hunters in Ucraina è stato insignito del Premio Nazionale Agenda Rossa Paolo Borsellino. Nel 2013 ha fondato la International Animal Protection League Charitable Foundation e ha costruito un rifugio che salva non solo cani ma anche cavalli, mucche, maiali. Oggi il Rifugio Italia Kj2 ospita oltre quattrocento animali. Tra i numerosi riconoscimenti, nel 2020 ha ricevuto il premio internazionale We are doing our part, attribuito anche a papa Francesco, nel 2022 la Medaglia enpa per i 150 anni enpa e il premio internazionale Bontà. Nel 2019 ha pubblicato Diario di un povero animalista. Andrea continua a vivere in Ucraina.