È stato uno dei più influenti polemisti e filosofi contemporanei. Nato in una famiglia ebrea, è tra i più brillanti rappresentanti della corrente dei "nuovi filosofi", che negli anni Settanta del Novecento hanno condotto una critica puntuale ai regimi totalitari, rifiutando una filosofia puramente accademica a favore di una che si propone di risolvere i risvolti pratici relativi alle questioni sociali. Negli ultimi anni ha messo in luce l'inerzia della classe politica europea di fronte alle violazioni dei diritti umani.