Ridete per Dio

Una fatwa al giorno d’oggi non si nega a nessuno. I genitori che si credono tuttologhi della scuola solo perché sono stati in grado di procreare? A morte! L’infausto rito degli auguri alcolici di fine anno? A morte! Morte alle multisale che puzzano di popcorn fritto nel grasso di yak, ai giornalisti che chiedono «Cosa prova» ai parenti degli ostaggi, alla tripla A 
di Standard & Poor’s, e alle borse griffate ultracostose e ultrabrutte. Sarà più ridicola una fatwa sulla dittatura della pallina di gelato alla vaniglia o quella su un disegnatore satirico che smaschera le ipocrisie armato di matita? Charb, lo storico direttore di Charlie Hebdo, in risposta alle numerose minacce che per molto tempo lo hanno raggiunto, si autoproclama ayatollah e imbraccia la gioiosa arma della satira per lanciare esilaranti condanne a morte a destra e a manca. Fatwa per tutti. Ridicolizzare è l’antidoto a chi si dà troppa importanza. Charb concede a ciascuno, dall’uomo di potere a quello della strada, dalle mode ai vizi, dalle abitudini ai cliché mentali, cinque corrosivi minuti di popolarità.

Stephane Charbonnier

Stéphane Charbonnier, in arte Charb (Conflans-Sainte-Honorine, 21 agosto 1967 – Parigi, 7 gennaio...
Vai alla scheda