Carlo Maria Martini non nascose mai il cruccio di non essere riuscito a vedere completamente realizzato lo spirito di rinnovamento, di comunione e di collegialità del Concilio Vaticano II.
In queste riflessioni rilegge alcune delle pagine più rivoluzionarie dei testi conciliari, invitando fedeli e laici, popolo di Dio e gerarchia ecclesiastica, a tornare a quella dimensione di ascolto del mondo, di modernità, di profezia che fu tipica dell’assise conciliare.
Sono pagine dense ma, nello stesso tempo, molto concrete. Da un lato, lasciano intravedere l’immagine di un “Concilio incompiuto”, dall’altro, spingono affinché la “nuova primavera” della Chiesa annunciata dal Vaticano II diventi realtà. Queste esortazioni fanno sentire ancora viva la voce di uno dei cardinali più amati e ascoltati da credenti e non credenti, mentre la svolta di papa Francesco rende più prossima la realizzazione del “sogno” di “una nuova primavera”, che Martini – insieme a molti nella Chiesa – ha sempre accarezzato.

Carlo Maria Martini non nascose mai il cruccio di non essere riuscito a vedere completamente realizzato lo spirito di rinnovamento, di comunione e di collegialità del Concilio Vaticano II.
In queste riflessioni rilegge alcune delle pagine più rivoluzionarie dei testi conciliari, invitando fedeli e laici, popolo di Dio e gerarchia ecclesiastica, a tornare a quella dimensione di ascolto del mondo, di modernità, di profezia che fu tipica dell’assise conciliare.
Sono pagine dense ma, nello stesso tempo, molto concrete. Da un lato, lasciano intravedere l’immagine di un “Concilio incompiuto”, dall’altro, spingono affinché la “nuova primavera” della Chiesa annunciata dal Vaticano II diventi realtà. Queste esortazioni fanno sentire ancora viva la voce di uno dei cardinali più amati e ascoltati da credenti e non credenti, mentre la svolta di papa Francesco rende più prossima la realizzazione del “sogno” di “una nuova primavera”, che Martini – insieme a molti nella Chiesa – ha sempre accarezzato.