Non dormirai mai più

Basta un istante per spezzare una vita. Quella di Giulia si spezza in un giorno di ottobre, a sedici anni e dieci mesi, quando gli unici pensieri sono la poca voglia di studiare e la paura di aver sbagliato a dire di no a Roberto. Due uomini irrompono in casa sua, non le lasciano nemmeno un istante per reagire, la legano al letto e da lì ha inizio l’incubo. Non approfittano di lei con la ferocia e la fretta dei maniaci. Sono due professionisti inviati da un’organizzazione criminale che vuole punire suo padre. Per questo, filmano il supplizio in ogni singolo, terribile istante e cercano di renderlo crudele, infinito. Lui deve pagare per ciò che ha fatto.


Poco dopo, però, la polizia si trova di fronte a una scena inattesa: i corpi dei due uomini sono riversi a terra, crivellati di colpi d’arma da fuoco e la ragazza è già in ospedale.


Il caso viene affidato a Serena Ainardi, sostituto procuratore della Repubblica, la persona giusta per un’indagine così delicata. Perché Serena è insofferente a procedure, gerarchie e ruoli, ma ha un modo speciale per entrare in contatto con le vittime, che per lei, a differenza dei suoi colleghi, sono persone. Questa volta, però, Serena comprende che il dolore di Giulia è troppo profondo: la ragazza ha bisogno di protezione, perché l’organizzazione criminale pretenderà vendetta. Per questo Serena contatta Lorenzo Cremona, l’unico in grado di aiutarla. Lui l’ha salvata nel momento più buio della sua esistenza, l’ha protetta, e così farà con la ragazza. Ma forse neanche il coraggio e la pazienza di Lorenzo saranno sufficienti ad aprire il cuore di Giulia, per far luce su quelle ore spaventose, prima che sia troppo tardi.

Aldo Costa

Torinese, copywriter freelance. Nel 1995 ha pubblicato la raccolta di racconti Ultimo Grado nella collana...
Vai alla scheda