«Una sculacciata non ha mai fatto male a nessuno.» «Lascialo fare, non essere troppo apprensiva.» Quante volte, da genitori, abbiamo ricevuto consigli o veri "dictat" su come educare i nostri figli, faticando a districarci nella giungla delle diverse raccomandazioni. Fra le opinioni di chi la sa lunga e le certezze dei cosiddetti "esperti" - psicologi, pediatri, psicoterapeuti -, le teorie sono innumerevoli. Ma solo una cosa è certa: padri e madri non si nasce, si diventa. Perché essere genitori è un'avventura fantastica, che tuttavia a volte si rivela molto impegnativa: spesso siamo insicuri e travolti dai dubbi e finiamo per sentirci in colpa per la nostra inadeguatezza. Ci sorprendiamo ad agire come nostra madre, quando ci eravamo ripromessi di fare l'opposto, oppure ripetiamo le stesse identiche frasi che, sulla bocca di nostro padre, suonavano così odiose. Vorremmo provare per i nostri figli solo amore e tenerezza, e invece non sempre è così. Le ferite del nostro passato e la nostra storia personale ci influenzano più di quel che crediamo. Questo illuminante saggio ci fa capire meglio perché questo accade, e ci guida, con consigli ed esercizi pratici, verso la libertà di diventare i genitori che desideriamo essere. Consapevoli che la perfezione non è di questo mondo.