Poteva mancare, tra le avventure di quel britannicissimo gentleman che è il molto onorevole Charlie Mortdecai, una puntatina tra i college di Oxford? Ovviamente no, e infatti – guarito da un fastidioso problemino intimo che lo ha visto ospedalizzato, per fortuna in compagnia di graziose infermiere – eccolo curiosare tra le stradine della vecchia città e le imponenti guglie dell’università più prestigiosa del mondo… In realtà, Charlie non ha portato i suoi baffi fin qui spontaneamente: è stato chiamato d’urgenza, nientedimeno che per indagare sulla morte violenta di una sua ex compagna di college, una famosa e riveritissima docente che ha avuto la ventura di scontrarsi con un omnibus. Ma qualcosa non quadra, in questo quadro. Ad esempio, i due loschi figuri che hanno seguito la poveretta nei giorni precedenti l’incidente. E Mortdecai è qui per dimostrare al mondo che chi fa fuori una ex alunna dello Scone College non la passa liscia…


In una Oxford così affollata di spie da sembrare una scatola di sardine, il nostro baffuto gentiluomo – insieme a quella dolce e leggiadra creatura che è il suo sdentato tirapiedi Jock – se la vedrà con tutti i tipi di nemici, armato di tutti i generi di raffinatezze estetiche, liquori e tabacchi. Ah, e ovviamente del tirapugni di Jock.


Il quarto e ultimo episodio – godibilissimo anche se non avete letto i primi tre – delle irresistibili avventure del mercante d’arte e bon vivant Charlie Mortdecai finirà molto facilmente là dov’è destinato a rimanere: al numero uno delle letture più divertenti che vi siano capitate.


Di culto in Inghilterra, riscoperta di recente in tutto il mondo ma originariamente pubblicata negli anni ’70, l’esilarante serie delle avventure di Charlie Mortdecai – gentiluomo e mercante d’arte, pieno di vizi e scarso di virtù, con un debole per il brandy e per certi acquerelli da quattro soldi che ama spacciare per preziosissimi – è pubblicata in Italia da Piemme.


Il suo autore, Kyril Bonfiglioli, anche lui appassionato d’arte (e di falsi), è nato in Inghilterra nel 1928 ed è morto nel 1985. Amava definirsi «un marito seriale di belle donne, astemio in ogni cosa tranne tabacco, cibo, alcol e chiacchiere, amato e rispettato da tutti quelli che mi conoscono solo un po’.»


Mortdecai e il delitto perfetto è il quarto (e ultimo) episodio della serie, che delizierà anche chi non ha ancora fatto la conoscenza con Charlie. Gli altri libri sono Mortdecai, Mortdecai e il complotto del secolo e Mortdecai e qualcosa di orribile nella legnaia, usciti nel corso del 2015.