Quando, nel gennaio 2007, il collezionista d’arte Peter Silverman entra in una galleria di New York, rimane folgorato. La giovane donna sconosciuta che lo ossessiona da tempo lo accoglie da un leggio. Già nove anni prima aveva cercato invano di aggiudicarsi quella pergamena a un’asta di Christie’s e da allora non aveva mai smesso di pensarci. C’era qualcosa di ammaliante e ipnotico in quella purezza di linee e colori. La datazione al xix secolo non l’aveva mai convinto, un tarlo dentro di lui gli diceva: “Rinascimento italiano”. Ma il nome di Leonardo non lo aveva ancora sfiorato.
Quel giorno a New York, con il cuore in gola per la paura di perderlo di nuovo e muovendosi con cautela per non destare sospetti, Silverman lo acquista per 19.000 dollari.
È solo dopo, quando tutti gli esperti che esaminano il disegno lo accostano al grande artista, che quel tarlo si fa dubbio, poi possibilità, infine sicurezza. Inizia così un percorso avventuroso e irto di ostacoli per giungere all’attribuzione del ritratto. Che, come si scoprirà con un’indagine ad alto tasso di suspense, raffigura Bianca Sforza, giovanissima sposa di Galeazzo Sanseverino, mecenate di Leonardo.
Il mondo dell’arte si divide: c’è chi teme di aver perso la faccia per essersi lasciato sfuggire di mano un’opera che potrebbe valere cento milioni di dollari, chi invece, e sono alcuni tra gli esperti più autorevoli di Leonardo, propende per l’attribuzione, che si fa sempre più certa grazie anche a sofisticati riscontri tecnologici.
Da New York a Parigi, da Milano a Zurigo fino a Varsavia, tra musei, case d’aste, gallerie d’arte e biblioteche, il resoconto avvincente di una scoperta sensazionale e un’indagine sull’arte del più celebre artista di tutti i tempi. E un omaggio al suo insuperabile genio.