Tolosa, 1933. Sembra appena tornato alla vita il giovane che varca la soglia del negozio di libri antichi in rue des Pénitents Gris. Occhi sgranati e attenti, come a voler registrare ogni minimo dettaglio intorno a sé; andatura lenta e cauta, quasi non desse per scontata nemmeno la terra sotto i suoi piedi. Ha con sé una lettera preziosa, segnata dal tempo e dalla polvere: il motivo per cui è tornato in quei luoghi, nel Sud della Francia, dopo cinque anni.
Gli è stato detto che per tradurre quella pergamena, vergata in una lingua arcaica della zona, può essergli d’aiuto l’antiquario, Monsieur Saurat. Questi, in cambio della sua consulenza, chiede di sapere come quell’inglese dall’aria fragile e schiva – che dice di chiamarsi Freddie Watson – ne sia entrato in possesso.
Inizia così il racconto di un’anima inquieta. Che parla di un viaggio in quelle terre occitane alla ricerca di pace e oblio. Parla dell’incontro con una fanciulla tanto bella quanto misteriosa, di nome Fabrissa, dai capelli corvini e una veste blu con sopra cucita una croce gialla. Parla della lunga notte in cui i due si erano confidati le reciproche storie: da una parte, il dolore inconsolabile di Freddie per la morte del fratello maggiore, disperso in battaglia durante la Prima guerra mondiale; dall’altra, il lutto di Fabrissa per la perdita dei familiari e di tutta la sua gente.
Le parole della ragazza, svanita nel nulla prima dell’alba, avevano condotto Freddie alle soglie di un mistero risalente a sei secoli prima. Da allora, credendo di cercare solo lei, si era messo sulle tracce di un segreto sepolto nella Storia. Soltanto ora, finalmente, tra le parole dell’antica pergamena, testamento di una civiltà scomparsa, Freddie potrebbe trovare la conclusione della sua ricerca. E della sua ossessione.

Tolosa, 1933. Sembra appena tornato alla vita il giovane che varca la soglia del negozio di libri antichi in rue des Pénitents Gris. Occhi sgranati e attenti, come a voler registrare ogni minimo dettaglio intorno a sé; andatura lenta e cauta, quasi non desse per scontata nemmeno la terra sotto i suoi piedi. Ha con sé una lettera preziosa, segnata dal tempo e dalla polvere: il motivo per cui è tornato in quei luoghi, nel Sud della Francia, dopo cinque anni.
Gli è stato detto che per tradurre quella pergamena, vergata in una lingua arcaica della zona, può essergli d’aiuto l’antiquario, Monsieur Saurat. Questi, in cambio della sua consulenza, chiede di sapere come quell’inglese dall’aria fragile e schiva – che dice di chiamarsi Freddie Watson – ne sia entrato in possesso.
Inizia così il racconto di un’anima inquieta. Che parla di un viaggio in quelle terre occitane alla ricerca di pace e oblio. Parla dell’incontro con una fanciulla tanto bella quanto misteriosa, di nome Fabrissa, dai capelli corvini e una veste blu con sopra cucita una croce gialla. Parla della lunga notte in cui i due si erano confidati le reciproche storie: da una parte, il dolore inconsolabile di Freddie per la morte del fratello maggiore, disperso in battaglia durante la Prima guerra mondiale; dall’altra, il lutto di Fabrissa per la perdita dei familiari e di tutta la sua gente.
Le parole della ragazza, svanita nel nulla prima dell’alba, avevano condotto Freddie alle soglie di un mistero risalente a sei secoli prima. Da allora, credendo di cercare solo lei, si era messo sulle tracce di un segreto sepolto nella Storia. Soltanto ora, finalmente, tra le parole dell’antica pergamena, testamento di una civiltà scomparsa, Freddie potrebbe trovare la conclusione della sua ricerca. E della sua ossessione.