Emmett Conn è sempre stato un uomo senza passato. La vita che ricorda è iniziata quando aveva più o meno vent’anni, durante la Prima guerra mondiale, nell’ospedale inglese dove si è risvegliato dopo essere stato ferito in battaglia. Privo di memoria, ci avrebbe messo un anno per strappare all’oblio pochi, essenziali dettagli: si chiamava Ahmet Kahn ed era turco. Del resto, più nulla.
Ora ha novantadue anni, è cittadino americano, vedovo della donna che l’ha salvato, l’infermiera che l’ha portato con sé negli Stati Uniti, dove lui ha lavorato duramente per mantenere la sua nuova famiglia, ha imparato una nuova lingua, si è costruito una nuova identità. Ma proprio ora, all’insorgere di una grave malattia, il presente acquista per Ahmet/Emmett contorni sempre più sfocati, lasciando trapelare ricordi da tempo sepolti.
All’inizio sembrano incubi, o allucinazioni provocate dalle pesanti cure cui l’uomo è sottoposto. Vede colonne di deportati che subiscono sofferenze e abusi di ogni tipo, e un giovanissimo gendarme turco, testimone partecipe di quelle atrocità inflitte al popolo armeno. Su tutto, si staglia l’immagine di una ragazza di singolare bellezza, che il soldato, dopo averla maltrattata, finisce per proteggere. Per lei è pronto a uccidere, a disertare. A cambiare.
L’anziano Emmett dovrà riconoscere in quel gendarme se stesso e in quella giovane armena, Araxie, il suo primo e perduto amore. E così, proprio quando l’uomo si chiede che senso abbia aggiungere qualche battito in più a una vita prossima alla fine, il ricordo di quegli occhi inconfondibili lo spinge a intraprendere una ricerca che ha dell’impossibile. Ritrovare la donna e ottenere perdono da lei per la colpa mai espiata sarà lo scopo finale della sua esistenza.