La legge della notte

Boston, 1926. Mentre il liquore scorre a fiumi e volano le pallottole, un uomo sta per lasciare il suo segno nel mondo. Joe Coughlin è figlio di un capitano della polizia di Boston - uno importante, in città - ma ha da tempo voltato le spalle alla Legge. È l'America senza freni dei ruggenti anni Venti, e un'intricata rete di distillerie illegali, case da gioco e speakeasy clandestini si anima nelle notti tenendo in pugno la città: il momento buono per poliziotti corrotti, femmes fatales e aspiranti gangster. Passato dai piccoli furti alla malavita organizzata, Joe è uno di quelli che si muovono nel buio, e di legge se ne sono creata un'altra: quella della strada, dell'ambizione e del crimine. L'unica legge cui valga la pena obbedire. Ma la vita dalla parte della notte ha un prezzo: e in un mondo in cui uomini senza pietà si sfidano per il controllo, non esistono amici, e non ci si può fidare di nessuno. Neanche della donna che ami. Il viaggio di Joe Coughlin - dalla Boston dell'età del jazz alle roventi strade di Cuba, passando per il malfamato quartiere latino di Tampa - è un'incalzante saga di vendetta e una travolgente storia d'amore. Ma è anche, e soprattutto, un viaggio dentro l'America del proibizionismo, l'epopea di un'intera nazione per molti versi ancora innocente, in cui ognuno è pronto a tutto pur di garantirsi la sua fetta di sogno americano.

Se Joe Coughlin è diventato un fuorilegge non è per tradizione di famiglia: cresciuto nel lusso, con un padre nelle alte sfere della polizia di Boston, avrebbe potuto percorrere mille altre strade, tutte più semplici, tutte lastricate d’oro. Una cosa, però, è certa: il meglio e il peggio della sua vita hanno avuto inizio nell’istante esatto in cui ha conosciuto Emma Gould, la donna del boss più potente della città, quello contro cui Joe non avrebbe mai dovuto mettersi.
Nell’America senza freni degli Anni Ruggenti, quelli come Joe si muovono nella notte, dove la Legge non conta ma chi conta può dettare le proprie regole, dove il denaro e il potere possono darti l’ebbrezza dell’onnipotenza ma devi essere pronto a pagarla a caro prezzo. Perché nessuno è disposto a salvarti e tutti possono tradirti.
Astro nascente della malavita a soli vent’anni, Joe sa benissimo che ogni sua scelta potrebbe essere fatale. E allora tanto vale giocarsi tutto nel presente, nell’intensità dell’attimo. Anche a costo di rischiare tutto per una follia, per un’emozione che arriva a scardinare tutti i piani. È l’istinto a dirti per cosa vale la pena vivere o morire.
Mentre i gangster rivali cercano di farlo fuori o di averlo dalla loro parte, Joe inizia la sua ascesa ai vertici del crimine organizzato. Il viaggio che lo porta dalla Boston glamour dell’età del jazz alle strade roventi di Cuba, passando per il sensuale quartiere latino di Tampa, è anche un viaggio nell’America del proibizionismo, tra case da gioco e distillerie clandestine, alcol e pallottole, femmes fatales e poliziotti corrotti. È un’incalzante saga di vendetta e una travolgente storia d’amore. È l’epopea di un’intera nazione, dove ognuno è pronto a tutto pur di garantirsi la propria fetta di sogno americano.

DA QUESTO LIBRO IL FILM OMONIMO LA LEGGE DELLA NOTTE DIRETTO DA BEN AFFLECK

Boston, 1926. Mentre il liquore scorre a fiumi e volano le pallottole, un uomo sta per lasciare il suo segno nel mondo. Joe Coughlin è figlio di un capitano della polizia di Boston - uno importante, in città - ma ha da tempo voltato le spalle alla Legge. È l'America senza freni dei ruggenti anni Venti, e un'intricata rete di distillerie illegali, case da gioco e speakeasy clandestini si anima nelle notti tenendo in pugno la città: il momento buono per poliziotti corrotti, femmes fatales e aspiranti gangster.
Passato dai piccoli furti alla malavita organizzata, Joe è uno di quelli che si muovono nel buio, e di legge se ne sono creata un'altra: quella della strada, dell'ambizione e del crimine. L'unica legge cui valga la pena obbedire. Ma la vita dalla parte della notte ha un prezzo: e in un mondo in cui uomini senza pietà si sfidano per il controllo, non esistono amici, e non ci si può fidare di nessuno. Neanche della donna che ami.
Il viaggio di Joe Coughlin - dalla Boston dell'età del jazz alle roventi strade di Cuba, passando per il malfamato quartiere latino di Tampa - è un'incalzante saga di vendetta e una travolgente storia d'amore. Ma è anche, e soprattutto, un viaggio dentro l'America del proibizionismo, l'epopea di un'intera nazione per molti versi ancora innocente, in cui ognuno è pronto a tutto pur di garantirsi la sua fetta di sogno americano.

Dennis Lehane

Prima di diventare uno scrittore a tempo pieno, ha lavorato come educatore per bambini affetti da handicap...
Vai alla scheda

Altri libri dello stesso autore