Un testo ormai "classico" del Cardinale Martini, che insegna a vivere la gioia del Vangelo: "quel non so che" che pervade la vita ed è equilibrio di tutte le cose.