A Gabriele nessuno ha mai regalato nulla, ha dovuto sudarsela la sua ascesa, da semplice cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. Ora che è a un passo dalla vetta è disposto a tutto, anche a macchiarsi di un orrendo crimine, pur di raggiungerla.
Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora e per cui ha messo a tacere il suo lato oscuro. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore, questo almeno si racconta, è costretto a sporcarsi le mani, a riesumare quella parte di sé che indossa un cappuccio nero, fino a guardarla dritta negli occhi, a seguirne le orme.
Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l’omicidio di una persona che ama e ammira più di se stesso riesce a scuoterlo dal torpore. L’amore lo aveva condannato, l’odio l’avrebbe redento. Ma a che prezzo?
Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo senza vincitori, l’inferno.