Hai voglia a dire che per contrastare l’inefficienza italiana bisogna fare le riforme. Lo ripetono tutti, incessantemente. Ma poi le riforme, quelle vere, non si fanno. Colpa della politica? Senz’altro. Ma quella raccontata in queste pagine è un’altra storia. Corporazione per corporazione, questa è un’odissea illuminante tra figli di, salotti buoni, intrecci perversi. Perché se le cause dell’inefficienza italiana hanno mille nomi – gerontocrazia, nepotismo, corporativismo… – questo viaggio nella cupola dell’«Italia che lavora» fa finalmente anche i cognomi: professionisti, imprenditori, uomini di finanza, docenti universitari, baroni della medicina.
Conoscete Giacomo Leopardi? Non il poeta, un suo omonimo, meno famoso ma sicuramente più potente: l’uomo che alla guida dell’Ordine nazionale dei farmacisti ha fatto il diavolo a quattro appoggiando la serrata dei camici bianchi. Avete mai sentito parlare di Dino Abbascià, il Leone di Bisceglie? Difficile. Eppure è lui che guida la fronda dei commercianti alimentari. E che dire di Riccardo Pedrizzi, il superlobbista delle assicurazioni? O di Giuseppe Rotelli, il re della sanità privata? E di cento altri sconosciuti ai più? Come funziona il partito degli appalti? E perché gli aerei non volano e i treni non arrivano in orario?

Allineando vicende che fanno indignare e storie che ci costringono a sbellicarci di amare risate, questa stringente inchiesta dimostra perché, con tutta evidenza, la salvezza non giungerà dalla tanto celebrata società civile.