Il giudizio universale e la dannazione eterna sono apocalissi che l’uomo contemporaneo ha rimosso dalla propria coscienza e che la stessa Chiesa Cattolica spesso fatica ad ammettere.
Si tratta di un tema che è sempre più trascurato, anche dalla predicazione, quasi che l’Inferno sia colpito da una sorta di congiura del silenzio: un silenzio che contrasta con la necessità di recuperare la prospettiva dell’eternità e della salvezza.
Stabilito che l’Inferno esiste ed è eterno, bisogna precisare a quali condizioni ci si vada: morendo in stato di peccato mortale e senza pentimento. Le condizioni per la perdizione eterna sono espresse con chiarezza dal Magistero della Chiesa cattolica, tuttavia di nessun’anima si può dire con certezza che sia all’Inferno, forse neppure di Giuda, il Traditore.
Dopo aver trattato delle pene infernali, l’inchiesta sull’Inferno prosegue esaminando la concezione degli Inferi e della perdizione eterna nella Sacra Scrittura e nella dottrina cristiana dai primi secoli al concilio di Trento. Si presentano quindi le diverse visioni dell’Inferno avute da santi e mistici cristiani, fino a quella straordinaria esperienza che è il viaggio nell’Aldilà compiuto in anima e corpo da Jakov e Vicka, due dei veggenti di Medjugorje, accompagnati dalla Regina della Pace.
Un viaggio nella tradizione teologica e nella devozione popolare che smuove la coscienza e lascia il segno.

Il giudizio universale e la dannazione eterna sono apocalissi che l’uomo contemporaneo ha rimosso dalla propria coscienza e che la stessa Chiesa Cattolica spesso fatica ad ammettere.
Si tratta di un tema che è sempre più trascurato, anche dalla predicazione, quasi che l’Inferno sia colpito da una sorta di congiura del silenzio: un silenzio che contrasta con la necessità di recuperare la prospettiva dell’eternità e della salvezza.
Stabilito che l’Inferno esiste ed è eterno, bisogna precisare a quali condizioni ci si vada: morendo in stato di peccato mortale e senza pentimento. Le condizioni per la perdizione eterna sono espresse con chiarezza dal Magistero della Chiesa cattolica, tuttavia di nessun’anima si può dire con certezza che sia all’Inferno, forse neppure di Giuda, il Traditore.
Dopo aver trattato delle pene infernali, l’inchiesta sull’Inferno prosegue esaminando la concezione degli Inferi e della perdizione eterna nella Sacra Scrittura e nella dottrina cristiana dai primi secoli al concilio di Trento. Si presentano quindi le diverse visioni dell’Inferno avute da santi e mistici cristiani, fino a quella straordinaria esperienza che è il viaggio nell’Aldilà compiuto in anima e corpo da Jakov e Vicka, due dei veggenti di Medjugorje, accompagnati dalla Regina della Pace.
Un viaggio nella tradizione teologica e nella devozione popolare che smuove la coscienza e lascia il segno.