Il ragazzo cacciato dalla sua tribù e costretto a vagare nella steppa è diventato il grande Gengis,colui che ha saputo unire i molteplici clan della Mongolia e forgiare un’unica nazione, il Popolo d’Argento. Sotto il suo comando carismatico ma inflessibile, i Mongoli hanno sconfitto i nemici di sempre, i Chin: primo passo verso la creazione di un enorme impero.
Ma ora il pericolo giunge da un’altra direzione: l’Ovest. Quando Gengis cerca di aprire rotte commerciali in quelle terre, infatti, le sue ambasciate vengono respinte, i suoi emissari torturati e uccisi. A fare ritorno sono solo le teste mozzate di questi ultimi, come un macabro omaggio. È un affronto che il Khan non può tollerare. E così, affidato il comando delle varie armate ai suoi figli, tra i quali intende scegliere l’erede più degno, si appresta a sferrare un attacco inesorabile contro lo scià che ha osato sfidarlo. Per il Popolo d’Argento è l’inizio del viaggio più lungo, che lo condurrà fino alla Persia, a contatto con civiltà tanto antiche quanto potenti. È l’inizio di una cruenta campagna militare, una scia di sangue e di fuoco, di città distrutte e genti sterminate.
La strada intrapresa da Gengis non ammette battute d’arresto, perché solo un esito è contemplato: la vittoria.