«Fare il parroco, stare in mezzo alla gente, per me è stata una grande lezione. Mi si è svegliato il senso dello stupore. E mi sono convinto che l’uomo è una meraviglia».

«Io non misuro mai i miei anni, per me è sempre tutto nuovo. La vita è bella a dieci anni come a cento se concepita come slancio verso il futuro e non come fardello da portare sulle spalle».

«Da quasi centenario continuo a celebrare la speranza».

A 98 anni Ersilio Tonini è il cardinale più anziano del mondo. La sua storia attraversa quasi un secolo di storia italiana e incrocia le vicende di papi, capi di stato e grandi personalità, ma anche di tanta gente comune, affascinata dalla sua capacità di parlare al cuore con semplicità evangelica. Appena nominato pastore della diocesi di Ravenna, nel 1975, decise di lasciare l’appartamento dello splendido palazzo dell’episcopio per insediarsi in due modeste stanze dell’Opera di Santa Teresa del Bambin Gesù, una casa di accoglienza per handicappati e anziani. Ha vissuto sempre lì, anche da vescovo “in pensione”, lucidissimo e attento alle vicende del mondo.
In questa confessione a cuore aperto si racconta, riflette sull’Italia di ieri e di oggi, e svela i segreti di una vita vissuta con entusiasmo contagioso, un entusiasmo che non si spegne.