Il gioco delle caste

«Ora, questa notte, Angelo Maria Predieri l’aveva finalmente capito. Non c’è il bene, non c’è il male. C’è solo e soltanto il potere. Alcuni sono così forti da conquistarlo, altri troppo deboli per averlo.»

Cosa unisce l’On. Angelo M. Predieri, fondatore e leader dell’Estremo Centro, e il dottor Saverio Dioguardi, Procuratore della Repubblica di un’oscura provincia?
Cosa lega il potente cardinale Terenzio Magliano e Lavinia Salvi, nota giornalista di lungo corso?
Forse un disperato bisogno di apparire in un mondo nel quale, se non appari, semplicemente non sei. O forse una prepotente vocazione al comando, una voglia mai appagata di piegare le vite degli altri ai propri disegni. Sicuramente li accomuna una certezza. In un’Italia che si è fatta angusta, più povera, dove la coperta è più corta per tutti, solo i lupi con i denti affilati possono farcela. E solo il più feroce fra i lupi potrà vincere il gioco. Il Gioco delle Caste.

«Mi chiedono se la storia che ho scritto racconti una realtà o sia frutto di fantasie. Potrei cavarmela dicendo che è tutto vero, oppure tutto falso. Ma il guaio, il vero guaio, è che è tutto perfettamente verosimile.»

Giovanni Negri

roduce Barolo, Chardonnay e Pinot Nero a Serradenari, nelle Langhe piemontesi. È stato segretario del...
Vai alla scheda