C’è grande fermento in casa Cardillo, nella villetta vagamente vittoriana di un noto (più che altro alla polizia) quartiere di Detroit. I Cardillos, infatti, nelle persone di Tony, capofamiglia premuroso nonché quadro di quell’impeccabile azienda che è la mafia, Mary, sua moglie, e i due figli, sono in partenza per l’Italia, dove prenderanno parte all’evento più importante dell’anno: lo sposalizio della figlia di don Pinuccio ’o Cavaliere. Per Tony, un’irripetibile occasione di farsi notare dal burattinaio che muove i fili dei traffici di tutto il mondo.


Peccato che, giunti in Italia – un Paese “ch’è tutto in miniatura” – ai quattro accada l’impensabile: si perdono in un bosco nel mezzo del Cilento e finiscono per imbattersi in Carminuccio, serial killer spietato e psicopatico, che li rapisce. 


Certo tutto poteva pensare, il povero Carmine, tranne che quell’allegra e chiassosa famigliola lo avrebbe trascinato nel più spaventoso degli incubi, mentre carabinieri e malavita, per recuperarli, si sfidano in un’indagine parallela al centro della quale c’è l’indizio più imbarazzante della storia del crimine.