I Dieci comandamenti non reggono più. Sono confusi, ambigui, tutt’altro che «scritti nella pietra». Di fatto, sono una sorta di work in progress che costringe a un sacco di stucchevoli precisazioni. Per esempio, dire «Lo sa solo Dio» è nominare il suo nome invano? E sul non uccidere, ci sarebbe quel passaggio dell’Esodo che invita i figli d’Israele a sterminare i nemici... Tralasciando le considerazioni che si possono fare sul non desiderare la donna d’altri, o la roba d’altri. No, non reggono più, è di tutta evidenza. Erano destinati a un gruppo di tribù nomadi dei tempi andati, quindi andrebbero emendati e rivisti, in questi tempi di crimini ambientali, ladroni dell’alta finanza, guerre pseudo-sante… Per non dire di chi urla in pubblico al cellulare.
Ci occorre un nuovo codice morale, insomma, ma ragionato, non in pillole. Per fortuna ci pensa Hitchens, al suo meglio, con il consueto inconfondibile humour, la sua acuta intelligenza, le sue provocazioni intellettuali mai banali o pretestuose.