Giallo metropoli

Undici palpitanti crime story dalle più belle firme del noir italiano


Un aeroplano si schianta contro un grattacielo, ma non siamo a New York.
Il cadavere di una donna rasata ritrovato in una valigia.
Un bandito pericoloso e romantico che fa impazzire le donne.
Una nube silenziosa e letale si allarga come uno spettro su interi paesi e semina morte.


Come ogni metropoli, Milano brulica sotto la superficie di anime allo sbando, criminali dalle facce pulite, solitudini malate, predatori in agguato, che ogni tanto riemergono dai loro nascondigli – case perbene, uffici prestigiosi, quartieri malfamati – ed esplodono come bubboni.
Lividi come una giornata di novembre o incalzanti come un film di Tarantino, questi racconti ci riportano indietro di anni o appena ieri, ricostruiscono casi passati in sordina o che hanno stuzzicato a lungo l’opinione pubblica.
Sono fatti realmente accaduti elevati a narrazione dalle penne di alcuni dei più brillanti scrittori italiani di giallo e noir.


In ordine di apparizione:


ROSA TERUZZI. Il ragionier Olivo
SIMONE SARASSO. Diecimila pallottole
PAOLO ROVERSI. Sette uomini d’oro
LUCA CROVI. Una nuvola rosa
GIOVANNI ZUCCA. Due-Undici a Milano
NICOLETTA VALLORANI. Duemila e ottocento  (quasi una ballata)
ALAN D. ALTIERI. “J”
RICCARDO BESOLA, ANDREA FERRARI,  FRANCESCO GALLONE. E tu dov’eri?
MASSIMO PICOZZI. Il Bandito
MASSIMO POLIDORO. Il caso Gardini
CRISTINA CATTANEO. Milano, tra delitti e diritti


Undici racconti sul filo della tensione, undici storie in giallo che lasciano con il fiato sospeso e una vena di inquietudine. Perché sono tutte vere.

AA.VV.

Autori vari.
Vai alla scheda

Massimo Polidoro

Scrittore e giornalista, è considerato uno dei maggiori esperti internazionali nel campo del mistero...
Vai alla scheda