Il “fenomeno Bergoglio” è sulla bocca di tutti. E tuttavia, il plauso assordante e pressoché unanime che circonda il nuovo papa rischia di trasformare la sua figura in una star e di banalizzarne il messaggio di forte radicalità.

Nella rilettura del suo pontificato, il teologo gesuita Bartolomeo Sorge mette in guardia dal pericolo di fermarsi all’aspetto superficiale e massmediale dell’evento, senza coglierne le ragioni profonde.

Il segreto della fecondità apostolica del “papa venuto dalla fine del mondo” è la sua tempra evangelica, la sua fede in Gesù di Nazareth, annunziato e amato con la vita, abbracciato “nella carne” dei poveri e dei piccoli.

Da autentico “profeta della fiducia”, il nuovo pontefice ha smosso le fondamenta di quella “religione della paura” che ha avuto i suoi predicatori non solo in ambito clericale, ma in questi ultimi decenni anche in campo politico, sociale ed economico. E – secondo Sorge – proprio l’eccezionalità della crisi strutturale e culturale della moderna “società senza padre” rende l’uomo d’oggi particolarmente disposto a ricevere l’annunzio di un Dio “Padre misericordioso”.

Puntando al superamento di una religione severa e punitiva, papa Francesco invita tutti a riscoprire l’Evangelii gaudium, il vangelo della gioia. Un vangelo scomodo, certamente, ma annunziato con quella raffinata ironia cristiana di cui il nuovo pontefice è maestro,