Frozen

Il 5 novembre 1942, in piena Seconda guerra mondiale, un aereo americano con cinque uomini a bordo è costretto a un atterraggio d’emergenza sui ghiacci della Groenlandia. Ingannevole fin dal nome, che significa Terra verde, la Groenlandia è una spessa coltre bianca che di verde non ha nulla. Inospitale anche perché soggetta alla Danimarca, che ora è nelle mani dei nazisti. Poco tempo dopo anche l’aereo inviato in soccorso, un B-17, soccombe a una tempesta. I nove uomini dell’equipaggio si trovano catapultati nell’inferno artico. Una seconda missione di salvataggio scompare invece letteralmente con i suoi tre uomini, senza lasciare tracce.

Per cinque mesi i quattordici sopravvissuti devono combattere contro il gelo in attesa di nuovi soccorsi. Lottando contro fame e paura, depressione e solitudine, avendo come unico riparo caverne di ghiaccio o il moncone di un aereo, gli uomini aspettano una salvezza che si fa sempre meno certa. Non sanno ancora che la loro vita è in mano a un uomo, un eroe, che rifiuta di abbandonarli e mette a punto un piano folle per trarli in salvo.

Basato su accurate ricerche e sulla spedizione compiuta dallo stesso autore sui luoghi della tragedia, alla ricerca dell’aereo scomparso, Frozen è un mix mozzafiato di avventura, mistero, eroismo e sopravvivenza.

Mitchell Zuckoff

Insegna giornalismo alla Boston University. Ha scritto per il New Yorker e per il Boston Globe, ed è...
Vai alla scheda