Serena Ainardi non è mai stata un bersaglio facile. Sostituto procuratore in una grande città, è sotto scorta dal giorno in cui una squadra di killer professionisti l'ha quasi uccisa nel corso di un'escursione in alta montagna. Ora l'istruttoria in cui è imputata la "Spa", una società criminale ben organizzata, sta per essere chiusa, e la Ainardi è più che mai nel mirino.
Il compito di eliminarla tocca a Salvatore Nicosia, responsabile del braccio armato della "Spa". Ha un'unica direttiva: deve sembrare un incidente. Per questo il killer si intrufola nella vita della donna, cercando di scoprire le sue abitudini, le sue passioni e le sue debolezze.
L'unica debolezza di Serena ha un nome: Lorenzo Cremona, ex professore, ex imputato della donna e, ora, suo amante. I momenti che trascorre con lui, infatti, sono gli unici in cui Serena abbassa la guardia.
Un giorno, però, tutto cambia. Finiscono le fughe d'amore e gli straordinari al lavoro, cessano gli incarichi. Bastano pochi controlli a Nicosia per comprendere che la natura sta agendo in sua vece: Serena è seriamente malata.
Una fine nota, quindi. Se non fosse che in un magistrale gioco di specchi ogni alleanza verrà ribaltata, ogni certezza messa in dubbio. E persino la morte sarà considerata un'alternativa migliore della verità.