Meg Clark, trentasei anni, un adorabile figlio di nove, divorziata, ha un’unica grande certezza: con gli uomini ha chiuso. Da quando Jonathan, l’ex marito, l’ha lasciata sola, e per giunta incinta, per scoprire New York con miss Perfezione, Meg ha giurato a se stessa che non avrebbe mai più permesso che qualcuno le spezzasse il cuore. Così, si è chiusa in una serena routine, tra l’insegnamento in una classe di ventitré scatenati bambini delle elementari e i mitici venerdì sera con Henry, suo figlio, un’enorme coppa di gelato e gli immancabili film di Harry Potter. Certo non è proprio quel che si dice una vita brillante e, come le ripete quotidianamente sua madre, frequentando solo bambini non è possibile incontrare l’uomo giusto; ma in tutti gli anni da single, Meg non ha mai provato il benché minimo desiderio di uscire con qualcuno.
Un sabato mattina, però, durante la colazione di rito da LuLu con suo figlio e le migliori focaccine del pianeta, si trova di fronte Ahmed, gli occhi scuri, profondi che sembrano capirla fin dal primo istante. Sarà lui, un uomo di origine iraniana dal passato tormentato e molto diverso dal suo, a farle ritrovare il desiderio di abbandonarsi completamente e a farle capire che in amore non esistono barriere che non si possano superare.