«Dieci ragioni per cui non sopporto mia madre» proclama la quasi tredicenne Joy Shapiro ai suoi due migliori amici. «Primo: ha un seno ridicolo. Sapete che taglia di reggiseno porta? La sesta. Assurdo.»
Ignara destinataria del commento è l’esuberante e formosa Cannie, che da sempre cerca di bilanciare le esigenze della propria vita privata con quelle della carriera. Poco dopo essere diventata una scrittrice di successo, ha rinunciato alla fama e alla luce dei riflettori per potersi occupare della famiglia, ma all’avvicinarsi del Bat Mitzvah della figlia è chiaro che alcuni nodi del passato devono ancora venire al pettine.
Joy, infatti, in piena ribellione adolescenziale non le rivolge quasi la parola e cerca disperatamente di sottrarsi alle eccessive attenzioni materne. Nel frattempo, poi, ci si mette anche l’adorato marito Peter, che ha deciso all’improvviso di volere a tutti i costi un bambino pur sapendo che, dopo il parto prematuro della primogenita, Cannie ha problemi a restare incinta. Ci mancano solo le compagne di scuola di Joy, che per invidia le rivelano uno scioccante segreto sul libro scritto in gioventù dalla madre, e l’arrivo improvviso di una tragica notizia a far precipitare del tutto la situazione.
Una famiglia felice, una carriera di successo, una vita tranquilla e, perché no, anche un corpo da favola: sarà pur vero che oggigiorno certe ragazze riescono a ottenere tutto, ma chissà perché tutte le fortune toccano sempre alle altre.