«Questa volta abbiamo deciso di riflettere su quanto resti oggi degli insegnamenti di Gesù, della sua indignazione, della sua carità, del suo sacrificio e abbiamo immaginato che il dialogo avesse maggiore senso se collocato fisicamente nei luoghi della Passione. A Gerusalemme, appunto.
Il nostro percorso, rispettoso e commosso nel calpestare i luoghi dove lui predicò, sarà un vero pellegrinaggio verso un sogno, quello di Gesù».


Così ha inizio il nuovo viaggio, in cui i due autori, come già avevano fatto nel loro libro precedente In cerca dell’anima, si scambiano stimoli e idee, in una conversazione serrata e appassionante che esplora l’essenza stessa della figura di Gesù e la necessità di una nuova alleanza con l’uomo.
Nel percorrere le stazioni della Passione il discorso si volge quasi inevitabilmente ai temi che riguardano da vicino il mondo di oggi: l’importanza dell’altro, la carità, lo sviluppo economico che troppo spesso viene fatto coincidere con la felicità, la perdita della pietas che colpisce soprattutto i più deboli, i labirinti della solitudine.
Dalla basilica del Santo Sepolcro luogo finale della Via Dolorosa, al convento della Flagellazione luogo iniziale della Via Dolorosa, si snoda all’incontrario un racconto di vita e di riflessione, un dialogo intenso tra un credente e un uomo di Chiesa, dove si auspica la nuova alleanza tra Gesù e l’uomo nell’antico spirito dell’Arca di Noè centro di una meravigliosa e mai più ripetuta coesistenza universale.