Sessualità prematrimoniale, contraccettivi, convivenze, coppie gay, questione femminile, divorzio e sacramenti, fecondazione assistita, genitorialità, educazione. Lo scollamento fra la società e la Chiesa nel campo della morale sessuale da più di un decennio è diventato una voragine. Anche i cattolici praticanti – come attesta il sondaggio voluto da papa Francesco in tutte le parrocchie e le realtà ecclesiali del mondo – hanno candidamente dichiarato di essere lontani anni luce, nelle convinzioni e nella prassi quotidiana, dagli orientamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica e dai severi moniti dell’ormai obsoleta enciclica di Paolo VI Humanae Vitae.


Papa Francesco ha affermato: «Dobbiamo guardare a ciò che c’è. E non a come dovrebbe essere.


La Chiesa vuole essere tra le persone e non può ignorare la realtà». In un reportage che documenta l’ufficialità e il “dietro le quinte”, il vaticanista Ignazio Ingrao racconta tutto ciò che già si è mosso e si muoverà – sulla spinta del Sinodo mondiale sulla famiglia, dove per la prima volta siederanno, oltre a vescovi e cardinali, anche 38 laici – intorno ai nodi più spinosi.


Un’inchiesta in tempo reale che documenta tutti i retroscena, gli schieramenti dei cardinali, i movimenti sottobanco, gli scontri pubblici e privati, le resistenze e i contrasti che papa Bergoglio dovrà affrontare nella sua politica di riforma che si prospetta foriera di cambiamenti di portata storica, quasi paragonabili alla rivoluzione del Concilio Vaticano II.