«Carissimo amico», comincia così la lunga riflessione di monsignor Vincenzo Paglia sulle grandi questioni del vivere e del credere. Lo stile semplice e colloquiale si fonda sulla convinzione che solo in una dinamica di relazione profonda e di speciale attenzione all’altro è possibile tentare quel dialogo fra fede e ragione, tra credenti e non credenti, indispensabile per affrontare i grandi punti interrogativi dell’esistenza e il disorientamento del tempo presente.
Con l’amico che non crede si possono condividere le inquietudini insopprimibili dell’uomo di ogni tempo: esiste un Creatore? …e se esiste non potrebbe avere la tenerezza di un Padre? C’è un disegno dietro ogni cosa o tutto è in balìa del caso? Religiosità e dubbio sono davvero incompatibili o possono incontrarsi sulla soglia del mistero? Come dare del Tu a Dio di fronte al male, alla sofferenza, alla solitudine?
Si può credere nell’uomo e si può credere in Dio – sostiene Paglia in un percorso filosofico e teologico affascinante – ma entrambe le “fedi” sono necessarie nell’orizzonte di una comune ricerca di senso che restituisca verità e dignità al vivere di ogni persona in una dimensione d’amore che spalanca le porte dell’Oltre.

«Carissimo amico», comincia così la lunga riflessione di monsignor Vincenzo Paglia sulle grandi questioni del vivere e del credere. Lo stile semplice e colloquiale si fonda sulla convinzione che solo in una dinamica di relazione profonda e di speciale attenzione all’altro è possibile tentare quel dialogo fra fede e ragione, tra credenti e non credenti, indispensabile per affrontare i grandi punti interrogativi dell’esistenza e il disorientamento del tempo presente.
Con l’amico che non crede si possono condividere le inquietudini insopprimibili dell’uomo di ogni tempo: esiste un Creatore? …e se esiste non potrebbe avere la tenerezza di un Padre? C’è un disegno dietro ogni cosa o tutto è in balìa del caso? Religiosità e dubbio sono davvero incompatibili o possono incontrarsi sulla soglia del mistero? Come dare del Tu a Dio di fronte al male, alla sofferenza, alla solitudine?
Si può credere nell’uomo e si può credere in Dio – sostiene Paglia in un percorso filosofico e teologico affascinante – ma entrambe le “fedi” sono necessarie nell’orizzonte di una comune ricerca di senso che restituisca verità e dignità al vivere di ogni persona in una dimensione d’amore che spalanca le porte dell’Oltre.