Una famiglia speciale, spie appassionate di mistero. Signori e signore, stiamo parlando degli Intrigue! Questa famiglia un po' strana ma divertente nasce dalla penna di un duo d'eccezione: Pierdomenico Baccalario e Alessandro Gatti, i creatori della serie Sherlock, Lupin & Io .

Gli Intrigue amano il mistero, amano le indagini, viaggiano moltissimo e sono curiosissimi! La serie inizia con due avventure scoppiettanti: Un enigma blu zaffiro e Un imbroglio nero petrolio.

Qui per avere qualche informazione in più sulla serie.

Abbiamo raggiunto gli scrittori per una doppia intervista esclusiva: PDB è il nome in codice di Pierdomenico Baccalario mentre Alessandro Gatti utilizza AG.

Pronti a leggere?

 

Come è nata la famiglia Intrigue?

PDB: in realtà non ricordo con precisione come questa avventura narrativa ebbe inizio, ma di sicuro è tutta colpa del mio socio Gatti!

AG: Da un’idea divertente che ha in sé anche una buona dose di follia. Infatti  fu Baccalario a tirarla fuori!

 

Qual è il personaggio più misterioso?

PDB: nei nostri appunti per i romanzi della famiglia Intrigue, a un certo punto sbuca fuori un losco personaggio di nome Van Sly. E’ talmente misterioso che neppure noi autori sappiamo ancora bene chi sia. Ma prima o poi s’insinuerà astutamente in una delle storie degli Intrigue, di questo siamo sicuri.

AG: Tutto il parentado degli Intrigue è ammantato di mistero. Ma se devo sceglierne uno, direi senz’altro il cugino Gumercindo Intriguez detto El Fraudulento.

 

La famiglia Intrigue viaggia molto: quali sono i luoghi che scopriremo con loro?

PDB: Si va dalle vie del centro di Roma con i suoi palazzi e i suoi monumenti al verde fitto della giungla tropicale. Le avventure degli Intrigue possono portare ovunque.

AG: E chi lo sa? Solo aprendo la prossima busta misteriosa della zia Edna lo si può scoprire J

 

Che cos'è un intrigo?

PDB: Forse un grande e labirintico guazzabuglio in cui ci sono sia enigmi che soluzioni? Ma chiedetelo a Gatti.

AG: Io direi una matassa aggrovigliata che può essere divertente districare, ma forse è meglio che lo chiediate a Baccalario.