Quattro blogger italiani hanno avuto la possibilità di rivolgere una domanda a S.J. Watson, autore del bestseller Non ti addormentare, da poco tornato in libreria con Io non ti conosco.

Pubblichiamo per i nostri lettori questa intervista esclusiva al nostro autore.

---

Ho letto anche “Non  ti addormentare” ma “Io non ti conosco” mi ha colpito ancora di più. La mia domanda è questa: Perché sceglie le donne come protagoniste dei suoi romanzi?
[Aleksandar Doynov, Sogno tra i libri]

È una domanda interessante. Non scelgo a tavolino che la “materia” delle mie storie siano personaggi femminili.  E’ solo che, per i due romanzi che ho fino ad ora scritto, ho voluto esplorare i mondi e le storie che ne erano al centro da un punto di vista femminile. Mi interessa molto la posizione in cui si trovano le donne in questo momento storico – non hanno ancora raggiunto una piena uguaglianza e si trovano a vivere pressioni cui gli uomini non sono soggetti. Penso che sia per questo che entrambi i miei libri vedono delle donne come protagoniste: sono queste tensioni che voglio scandagliare nei romanzi che scrivo.

 

In “Io non ti conosco” Julia e Connor divengono pedine inconsapevoli di una vendetta rivolta alla protagonista, studiata negli anni e messa in atto grazie a Internet. La tecnologia può rappresentare un’evoluzione grandiosa così come può trasformarsi in un’arma potentissima. Quanto la tecnologia può essere utile, e in che modo può essere pericolosa, a suo parere?

[Irma Loredana Galgano, Liberi di scrivere]

Io penso che Internet sia uno strumento, e come tutti gli strumenti dipende da come viene utilizzato. Può generare grandi cose e può recare gravi danni. Credo che dobbiamo ancora imparare a padroneggiare i social network e sarà così per qualche tempo ancora. In fin dei conti si tratta di stabilire quanto importante sia per noi la privacy e quanto di essa vogliamo condividere.

 

Perché ha deciso di concludere il romanzo con un finale aperto?
[Sara Zannoli, Bookspedia]

 Sentivo che era l’unico luogo dove chiudere il romanzo. Mi piacciono i libri nei quali i personaggi continuano a vivere nella mente del lettore una volta che il libro è finito. Le storie continuano sempre - a meno che l’autore non “uccida” qualcuno nell’ultima pagina - dunque si tratta solo di decidere quando smettere di raccontarle.

 

In questo libro, come nel precedente, la protagonista è una donna e in entrambi il racconto è in prima persona. Quanto è difficile per un uomo identificarsi nel personaggio femminile al punto da rendere il suo comportamento e le sue azioni credibili, sapendo quanto, in questo, uomo e donna siano differenti?
[Daniela Calligaro, Un libro per amico]

Non credo che il comportamento femminile e quello maschile siano “totalmente diversi”. Non credo nel genere “binario”, penso piuttosto che il genere sia un concetto fluido e sia una sorta di spettro. Il lavoro dello scrittore è immaginare una vita diversa dalla propria, e questo è ciò che ho fatto. Uno dei miei personaggi soffre di amnesie e l’altro ha sulle spalle un’esperienza di dipendenza; questa è una sfida molto più grande rispetto al tema del genere.

 ---

 profilo Twitter dell'autore @SJ_Watson