Michael Morpurgo è un grande autore per ragazzi.

Rifaccio da capo: Michael Morpurgo è un grande autore, tout court. Il fatto che si sia dedicato per lo più alla narrativa per ragazzi è poco più di un dettaglio.

Per i lettori di tutto il mondo è soprattutto l’autore di War Horse, un classico contemporaneo portato prima nei teatri di tutto il mondo e poi sugli schermi cinematografici da Steven Spielberg. Ma i suoi libri sono tanti, ricchi e hanno tutti un punto in comune: non vi deluderanno mai. Il Battello a Vapore lo ha accolto da tempo fra i suoi autori di punta, e la prossima ripubblicazione di Il regno di Kensuke, un volume che da un po’ di tempo mancava dagli scaffali delle librerie italiane, è l’ennesima conferma del nostro amore per lo scrittore inglese.

Ma c’è un motivo per cui, oggi, gli vogliamo ancora più bene, e riguarda… il suo prossimo libro, Quando le volpi vinsero il campionato.

Lo scorso maggio, il canale radio inglese BBC4 ha chiesto al maestro inglese di leggere il suo ultimo racconto, poi diventato un libro. Una favola, con animali (le volpi) un fantasma (quello di Riccardo III), una squadra di calcio (il Leicester) e il suo condottiero (l’allenatore italiano Claudio Ranieri). Tutti gli amanti di calcio – e non solo loro – conoscono la fantastica storia di questa squadra, la cenerentola che l’anno scorso ha vinto il campionato inglese contro tutti i pronostici (gli scommettitori pagavano la scommessa 5000 a 1, che tradotto in italiano significa “praticamente impossibile"). L’hanno definita una “favola”, e non è un caso che il primo a raccontarla in un libro è stato proprio un autore di narrativa per l’infanzia.

I ragazzi sanno (a volte meglio degli adulti) che non tutte le favole hanno un lieto fine. E questa è una di quelle che finisce male: pochi giorni fa l’avventura di Ranieri è finita nel peggiore dei modi, e il mister italiano è stato cacciato dalla squadra.

Succede a molti allenatori. Quello che succede più raramente è che un allenatore diventi un personaggio di un libro. E grazie a un grande scrittore, la leggenda di Ranieri durerà molto più a lungo, perché Morpurgo l’ha regalata per sempre ai suoi lettori. La favola di Ranieri e delle “volpi" (il simbolo della squadra del Leicester) supererà gli stretti confini delle colonne dei quotidiani sportivi, sfiderà la memoria corta di giornalisti e tifosi, e parlerà a più di una generazione di giovani lettori. Quando ci saremo dimenticati di Mourinho, Guardiola e Allegri ci ricorderemo ancora di Ranieri e della sua incredibile impresa, anche se dal triste finale.

Ogni tanto, ai grandi scrittori tocca anche il compito di fare giustizia!

Enrico Racca, Responsabile editoriale Battello a Vapore