Americana, dopo la Guerra del Golfo si è trasferita a Jeddah, in Arabia Saudita, dove ha vissuto nella comunità beduina di appartenenza dell'ex marito, di origine saudita-palestinese. Nel 2006 ha conseguito un Master in scrittura creativa alla Columbia University. Ora vive a San Francisco. Il suo primo romanzo, Gli occhi del deserto, è stato un successo internazionale: venduto in trenta Paesi e acclamato dalla critica, ha vinto il Los Angeles Times Book Prize come migliore opera prima. Il secondo, La città delle donne invisibili, ha confermato i consensi di pubblico e critica: eletto romanzo dell'estate dai librai americani, è stato anche scelto tra i migliori libri del 2010 da importanti testate, quali "The Guardian". I diciannove angeli è stato consigliato dall'Oprah's Book Club e scelto tra i Best Summer Books 2012 da "Publishers Weekly", "Los Angeles Times" e "The Independent".