Appena trentenne, vive a Seattle, dove è nato. Il suo primo romanzo, Ringrazia che sei vivo (Piemme, 2012), è stato un successo internazionale di pubblico e critica che lo ha consacrato tra i nuovi talenti del thriller americano. Gli sciacalli ha avuto la stessa accoglienza, ed è valso a Waite paragoni con mostri sacri come Don Winslow ed Elmore Leonard. Presto diventerà un film.