Ha vissuto la maggior parte della sua esistenza a Edimburgo. Diagnosticato come cronicamente non-ambizioso fin dalla più tenera età, ha lavorato come ragazzo di bottega, impiegato statale part-time, commesso in una libreria, galoppino, piazzista, macchinista, postino, venditore, corriere. Ha scritto regolarmente per The Scotsman e pubblicato articoli per il magazine Rebel Inc. e per diverse fanzines.