Nato ad Amsterdam nel 1962, è stato uno dei giocatori più forti della storia del calcio. Dopo aver militato nel Feyenoord, con cui vince 1 Campionato e 1 Coppa d'Olanda, passa al PSV Eindhoven, con cui si aggiudica altri 2 Campionati olandesi, prima di essere notato da Nils Liedholm che lo segnala al Milan, dove arriva nel 1987. Con i rossoneri, allenati prima da Sacchi e poi da Capello, gioca sette straordinarie stagioni insieme ad altri due fuoriclasse come Van Basten e Rijkaard, facendo messe di vittorie: 2 Coppe Campioni, 2 Coppe Intercontinentali, 2 Supercoppe Uefa, 3 Scudetti e 3 Supercoppe italiane. Nel 1987 vince il Pallone d'oro, che dedica a Nelson Mandela, e l'anno dopo viene incoronato Campione d'Europa con la nazionale olandese. Dopo un passaggio alla Sampdoria (dove vince la Coppa Italia nel 1994) e un breve ritorno al Milan, si trasferisce al Chelsea come giocatore e poi come allenatore, conquistando 1 Coppa d'Inghilterra. Seguono altre esperienze da allenatore in Olanda, negli Stati Uniti e in Russia. Oggi si dedica al ruolo di commentatore televisivo. Parla correntemente cinque lingue.