Nata a Meda (MI) nel 1935, a 23 anni prende i voti nella Congregazione delle Suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo. Dopo una laurea in Sociologia e un master in Scienza del comportamento a Miami, resta negli USA per tredici anni a lavorare accanto a minori handicappati mentali. Tornata a Torino, coordina per trent’anni i volontari della Piccola Casa della Divina Provvidenza-Cottolengo, che accoglie oltre duemila portatori di handicap sensoriali, mentali e fisici, insieme ad anziani, barboni, minori e madri in difficoltà. Con piglio deciso, fare austero e un sorriso straordinario, dirige con doti manageriali oltre 1.200 volontari laici curandone formazione e competenza.
Nel 2001, insieme a Francesca Vallarino Gancia, fonda MAMRE, una onlus che con competenza acquisita negli anni lavora nel campo dell’etnopsichiatria e svolge attività di sostegno psicologico per l’integrazione degli immigrati.
Nel 2008, Sergio Chiamparino l’ha voluta nel Consiglio di amministrazione della più importante fondazione bancaria italiana, la Compagnia di San Paolo, che nel 2010 l’ha poi nominata vicepresidente con speciale attenzione alle politiche sociali. Attualmente è membro del Consiglio di indirizzo. È solita dire che «il denaro non è lo sterco del diavolo, ma serve a concimare il bene».